The Spectator: le draconiane leggi italiane sui vaccini sono terribilmente popolari

 “Le draconiane leggi vaccinali italiane sono incredibilmente popolari” (Italy’s draconian vaccine laws are terrifyingly popular) questo il titolo di un articolo dedicato all’Italia  su The Spectator, il più antico periodico del mondo. In sintesi per gli inglesi siamo un popolo di pecore sottomesse. Riporto di seguito la traduzione in italiano. L’articolo analizza il modo in cui gli italiani hanno reagito, o meglio non reagito, alla messa al bando dei non vaccinati da vita sociale, circolazione e lavoro.

—-

All’inizio di agosto, l’Italia ha bandito i non vaccinati dalla maggior parte delle forme di vita sociale, quindi dalla maggior parte delle forme di viaggio e ora dalla maggior parte delle forme di lavoro. I non vaccinati sono paria.

Eppure, a differenza della Francia, ad esempio, dove centinaia di migliaia di persone sono scese in piazza per protestare contro i passaporti vaccinali obbligatori, in Italia quasi nessuno ha protestato contro “Il Green Pass”, che ora è il più draconiano d’Europa. Gli italiani non sono mai stati particolarmente appassionati di libertà, e di conseguenza la libertà non è mai fiorita in Italia. Questo, credo, spiega perché questa rimozione delle libertà fondamentali – o diritti, se dobbiamo – degli italiani non vaccinati da parte del premier italiano non eletto Mario Draghi è così enormemente popolare.

Giovedì il governo di unità nazionale di Draghi ha emanato un nuovo decreto che estende ‘Il Green Pass’ a tutta la forza lavoro: 23 milioni di italiani. Questo entrerà in vigore il 15 ottobre.  I non vaccinati sono già stati banditi dal 6 agosto dalla maggior parte dei luoghi pubblici al chiuso come bar, ristoranti e palestre, oltre a molti quelli all’aperto come stadi di calcio e Colosseo. E dal 1° settembre da aerei, traghetti, treni e autobus interregionali, più università (personale e studenti) e scuole (solo personale).

Il vaccino è obbligatorio per gli operatori sanitari da aprile. Più o meno le uniche attività comuni che i non vaccinati potranno ora svolgere fuori dalle loro case sono lo shopping e la messa. Possono ancora ottenere “Il Green Pass” pagando un test Covid ogni 48 ore – ma presumibilmente pochi lo faranno – oppure se hanno avuto il Covid e possono dimostrarlo.

Che il 75% degli italiani di età superiore ai 12 anni sia già completamente vaccinato e che l’80% dovrebbe esserlo entro la fine di questo mese non ha fatto alcuna differenza. Né lo sono i numeri relativamente bassi dei casi di Covid in Italia: circa 4.500 nuovi casi e 50 decessi al giorno (la Gran Bretagna, in confronto, ha circa 29.500 nuovi casi e 175 decessi al giorno). L’ex capo della Banca centrale europea Draghi, che ha salvato l’euro con il suo massiccio acquisto del debito sovrano dell’eurozona, a quanto pare pensa che per salvare l’Italia tutti gli over 12 debbano essere vaccinati.

Le sanzioni per chi è stato colto in flagranza senza “Il Green Pass” includono multe fino a 1.500 euro (£ 1.200), la chiusura temporanea di locali e locali commerciali e la sospensione dal lavoro senza retribuzione, ma non il licenziamento. Sono circa 11 milioni gli italiani, dai 12 anni in su – circa il 20 per cento – che non hanno avuto una prima dose di vaccino con una seconda prenotata – il requisito per il pass. Si potrebbe presumere che ci siano molti milioni di italiani vaccinati in più profondamente preoccupati per una così grave violazione delle libertà civili dei non vaccinati. Non ci sono. Le proteste in Italia contro ‘Il Green Pass’ sono state patetiche.

C’è stato un linguaggio molto violento sui social media ma poca violenza effettiva. Praticamente nessuno ha ascoltato le richieste di bloccare le principali stazioni ferroviarie il 1° settembre quando il divieto è stato esteso ai viaggi a lunga distanza. Un gran numero di poliziotti ha atteso invano. Sì, alcuni operatori sanitari e insegnanti sospesi stanno facendo causa allo stato per violenza privata e discriminazione – e molti altri da altri lavori ora seguiranno l’esempio – ma i giudici si stanno pronunciando contro di loro per una serie di motivi, come quello molto sfuggente che i loro diritti non vengono violati perché possono comunque ottenere ‘Il Green Pass’ se pagano un test Covid ogni due giorni.

Non sappiamo quanto durerà l’immunità alla vaccinazione o l’aumento della resistenza, tuttavia “Il Green Pass” è valido per 12 mesi. I vaccinati possono ancora, ovviamente, infettarsi e contagiare gli altri. Ciò significa che l’unica giustificazione davvero convincente per il divieto dell’Italia sui non vaccinati – ottenere l’immunità di gregge – sembra fallace.

In Italia, ad esempio, più di un terzo del totale – 59.305 – di coloro che sono stati contagiati dal Covid ad agosto sono stati parzialmente o completamente vaccinati. Draghi è il sesto premier italiano non eletto da quando Silvio Berlusconi si è dimesso nel 2011 – non eletto nel senso che né lui né gli altri cinque sono saliti al potere attraverso le urne come capo di una coalizione o di un partito vittorioso. Tuttavia, se si tenesse un’elezione oggi, Draghi potrebbe effettivamente vincere, tanto sono popolari i suoi mandati di vaccino. Più di due terzi approvano sia Draghi come Premier sia il suo trattamento draconiano dei non vaccinati, secondo i sondaggi. Una proporzione simile pensa che dovrebbe essere ancora più dittatoriale e sostituire “Il Green Pass” con la vaccinazione obbligatoria. Infatti, il 61 per cento degli italiani pensa che, lungi dal privarli della libertà, tutti questi divieti in realtà accrescano la loro libertà.

L’unico partito che si oppone alla trasformazione dei non vaccinati in paria è il postfascista Fratelli d’Italia che nella maggior parte dei sondaggi degli ultimi mesi ha un po’ più di consensi (circa il 20 per cento) dei suoi due rivali più prossimi, l’alt right Lega con cui è normalmente in alleanza e nel Partito Democratico post-comunista. Ma su questo tema è gravemente in disaccordo con la stragrande maggioranza.

Niente di tutto questo mi sorprende dopo un quarto di secolo che vivo qui perché il fatto è che l’Italia fa solo finta di essere un paese libero. Lo vedi nelle piccole cose come la carta d’identità che devi avere e mostrare tutto il tempo. O nella domanda “dove risiedi?” piuttosto che “qual è il tuo indirizzo?”. E nei posti di blocco ovunque presidiati da poliziotti con mitragliatrici che fermano auto a caso. Ci sono così tante leggi e così tanta burocrazia che tutti sono colpevoli di qualcosa.

In Italia, se sei finito per guida in stato di ebbrezza – come sono stato, curiosamente, da un vigile urbano di nome Mussolini – per riavere la patente devi dimostrare di essere idoneo a guidare al termine del divieto con le analisi del sangue. Questo controlla il tuo consumo medio di alcol, il che significa che devi smettere di bere un buon mese prima del test. Se lo superi, riavrai la patente per tre mesi – durante l’ultimo mese dei quali dovrai smettere di bere e fare un altro esame del sangue. E così via.

La ragione per cui gli italiani sono così infedeli alla libertà è stata identificata, credo, dall’antropologo francese del XIX secolo, Gustave Le Bon, e dal suo libro cult La Psychologie des Foules (1895). Le Bon definì l’era moderna come “l’era delle folle” – non della democrazia – perché dopo il crollo della vecchia Europa, la folla era l’ultimo potere sovrano rimasto. Ma la folla è impotente, ha osservato, senza un leader carismatico. Le Bon ha fatto una distinzione particolare tra le folle anglosassoni e quelle latine: «È soprattutto nelle folle latine che l’autoritarismo e l’intolleranza si trovano sviluppati nella misura più alta. In effetti, il loro sviluppo è tale nelle folle di origine latina che hanno completamente distrutto quel sentimento di indipendenza dell’individuo che è così potente nell’anglosassone.

«Le folle latine si preoccupano solo dell’indipendenza collettiva della setta a cui appartengono, e il tratto caratteristico della loro concezione di indipendenza è il bisogno che sentono di portare coloro che sono in disaccordo con se stessi all’immediata e violenta soggezione alle loro convinzioni». «Tra le razze latine, la parola democrazia significa soprattutto l’annullamento della volontà e dell’iniziativa individuale in favore dello Stato. A quest’ultimo viene sempre più concesso il potere di gestire, centralizzare, monopolizzare e produrre. (…) Tra le razze anglosassoni, specialmente in America, la stessa parola democrazia significa, al contrario, l’intenso sviluppo della volontà individuale e la restrizione dei poteri dello Stato (…).

‘ Vivere in prima persona come gli italiani stanno reagendo alla crisi del Covid mi ricorda che la narrativa storica dominante sul fascismo inventata dal Partito Comunista Italiano – il più grande partito comunista al di fuori del blocco sovietico – per assolvere gli italiani dalla colpa è un’assurdità: quel fascismo è stato imposto non voluto. Gli italiani volevano che il fascismo fermasse il comunismo. Non è stato imposto. Così come vogliono che questa nuova forma di dittatura fermi il Covid.

Condividi su